Falsa pace della mente – Gli antidepressivi placebo

Submitted on Mar. 22/03/2011 - 10:16
Placebo

Gli antidepressivi placebo rimangono una presenza costante negli esperimenti clinici ma non sono di dominio pubblico

E una situazione classica: hai un esame imminente e un programma pieno zeppo attentamente pianificato, e ti svegli una mattina con i tutti i sintomi fin troppo familiari di un comune raffreddore. Mossi da compassione per voi stessi tra raffreddore e tosse, vi auto-medicate con la solita miscela di ACE, vitamine e acqua in abbondanza, e fervete sperando in una rapida ripresa.

La maggior parte di noi quando prende un raffreddore finisce anche per prendere misure disperate per risolvere la situazione, indipendentemente dal fatto che tali misure siano fondate su verità scientifiche.

Maggiore assunzione di vitamina C? Non solo non vi è la prova che impedisca il raffreddore ma, secondo alcune fonti, nemmeno che ne acceleri il recupero.

I rimedi alle erbe come l'echinacea? Liquidi caldi? Al di là capacità di quest'ultimo di dare un sollievo temporaneo, non porterà molto aiuto.

Infatti, la panacea più potente di tutti è la nostra stessa mente credulona. Una volta convinta dell'efficacia di una cura per il raffreddore mediante una vita di aneddoti e leggende, molti di noi iniziano a sentirsi meglio dopo aver preso per tutto il giorno il succo d'arancia, che secondo alcuni studi medici è altrettanto efficace quanto il girarsi i pollici. Ma se i produttori di succo non pubblicizzano il loro prodotto come antiraffreddore, la redditizia industria degli antidepressivi, che conta molto sull'effetto placebo, fà valere questa pretesa.

A partire dal 1998, una serie di studi hanno ripetutamente messo in discussione la differenza di efficacia tra i farmaci antidepressivi e placebo. Irving Kirsch e Guy Sapirstein, due ricercatori dell'Università del Connecticut, hanno pubblicato i risultati di una loro revisione di 38 studi condotti con oltre 3.000 pazienti depressi, in cui si paragonava l’efficacia degli antidepressivi a quella dell’effetto placebo (una pillola finta che non contiene alcun farmaco) dimostrando che sono indistinguibili: il 75% dei pazienti guarisce indipendentemente dal fatto che abbiano ricevuto il farmaco vero o quello finto.

"Ci siamo chiesti: cosa sta succedendo?", Ha detto Kirsch in un'intervista del 2010 a Newsweek. La comunità medica, scettica della sua analisi, gli ha chiesto di avviare uno studio più approfondito con i risultati di tutte le sperimentazioni cliniche condotte dai produttori di antidepressivi, compresi quelli non pubblicati - 47 studi in totale: stesso risultato.

I farmaci antidepressivi sono davvero "un trionfo del marketing sulla scienza"? Oltre a Kirsch, numerosi altri esperti sono convinti che gli antidepressivi non curano chimicamente la depressione. L'agenzia britannica incaricata di stabilire quali trattamenti fossero efficaci a sufficienza da ricevere un finanziamento dal governo ha smesso di comprendere gli antidepressivi come il trattamento di default per tutto tranne che per le forme più gravi di depressione. E gli stessi produttori di farmaci stessi non negano i dati di Kirch. Un portavoce della Pfizer, produttrice dello Zoloft, ha fatto riferimento all'esistenza di una "vastità di prove scientifiche che documentano gli effetti [antidepressivi]”, ma anche al fatto che il trattamento "di norma non sia in grado di separarsi dal placebo" è "sia una cosa ben nota dalla FDA, il mondo accademico e industria ".

di Debbie Wang
The McGill Daily
10 Marzo 2011

Fonte: http://www.mcgilldaily.com/2011/03/false-peace-of-mind/

Condividi con