Trattamento della depressione. C'è un effetto Placebo?

Pubblicato Mar. 06/03/2012 - 08:59
Trattamento della depressione. C'è un effetto Placebo?

Qual è il vantaggio? Antidepressivi e l'effetto Placebo - 60 minuti espone i fatti

"Questi sono gli studi che dimostrano come l'antidepressivo non sia di maggior beneficio del placebo: hanno pubblicato gli studi che mostravano un successo e hanno omesso quelli fallimentari."– Irving Kirsch

"Questo è un business multimiliardario. Ciò che caratterizza gli studi inediti è che hanno esito negativo. Non è che siano condotti in modo sbagliato; è che il loro esito non è idoneo dal punto di vista della società"— Dr. Tim Kendall

Fonte Pharmalot: http://www.pharmalot.com/2012/02/what-benefit-antidepressants-the-placebo-effect

"Trattamento della depressione. C'è un effetto Placebo?"

19 Febbraio 2012

La comunità medica  discute riguardo la ricerca scientifica e gli scritti dello psicologo Irving Kirsch a proposito del funzionamento degli antidepressivi. Le scoperte di Kirsch sono di interesse vitale per i 17 milioni di americani che assumono antidepressivi, compresi bambini di sei anni - una categoria di farmaci che frutta all’industria farmaceutica 11,3 miliardi di dollari l'anno. Irving Kirsch è il direttore associato del programma di studi Placebo presso la Harvard Medical Schoo. lLa specialità di Irving Kirsch è lo studio dell'effetto placebo: l'assunzione di una pillola che non contiene alcun farmaco ma crea un'aspettativa di guarigione così potente che i sintomi vengono effettivamente alleviati.

Kirsch sostiene che la sua ricerca contesta l'efficacia degli antidepressivi. In particolare, la differenza tra l'effetto di un placebo e l'effetto di un antidepressivo è minima per la maggior parte delle persone. Le persone preferiscono prendere antidepressivi: migliorano quando prendono il farmaco. Ma non sono gli ingredienti chimici che la fanno migliorare: è in gran parte l'effetto placebo.

Un altro studioso, il Professor Walter Brown, mette in dubbio la teoria ampiamente diffusa secondo cui la depressione è causata da un deficit di un prodotto chimico del cervello chiamato serotonina, che è poi il target della maggior parte di queste pillole:

"Gli esperti nel campo ora credono che quella teoria sia un eccesso di semplificazione e probabilmente non sia corretta”.

Kirsch si è trovato a studiare gli antidepressivi per caso: era interessato a valutare la dimensione dell'effetto placebo, e non intendeva valutare l’efficacia del farmaco, in quanto la dava per scontata. Invece ciò che ha visto era che quasi non aveva importanza il tipo di pillola che il medico ha dato ai pazienti:

“Abbiamo verificato anche farmaci che non sono considerati antidepressivi: tranquillanti, barbiturici. E sai una cosa? Avevano lo stesso effetto degli antidepressivi”.

Kirsch è stato così sorpreso dai suoi risultati iniziali, che ha deciso di fare un secondo studio – utilizzando non solo i dati degli studi clinici delle società farmaceutiche che erano stati pubblicati in riviste mediche, m anche i dati che non erano stati pubblicati, ma che erano stati sottoposti alla FDA, ottenuti attraverso la legge sulla libertà d’informazione.

“Questi - sostiene Kirsch - sono gli studi che hanno dimostrato che l'antidepressivo non ha alcun beneficio superiore al placebo. Ciò che hanno fatto è prendere gli studi più di successo, e pubblicarne la maggior parte. Hanno preso gli studi fallimentari e non li hanno pubblicati”.

E aggiunge “Paragonando i pazienti che avevano preso il farmaco con quelli cui era stata somministrata la pillola di zucchero abbiamo scoperto che stavano ugualmente bene. In particolare, se erano leggermente o moderatamente depressi, non c’era alcuna differenza reale, mentre l'unica occasione in cui si otteneva una differenza clinicamente significativa era a livelli molto estremi di depressione. In generale, la differenza tra farmaco e placebo è molto, molto piccola. e in metà degli studi inesistente.

Kirsch e i suoi studi hanno scatenato un contrattacco furioso – principalmente da psichiatri, che sono in campo per difendere l'uso di antidepressivi come il Dr. Michael Thase, un professore di psichiatria presso l'Università della Pennsylvania School of Medicine,  consulente di molte aziende farmaceutiche. Dall'introduzione del Prozac negli anni ottanta, le prescrizioni per questi farmaci sono incrementati del 400 per cento – con aziende farmaceutiche che hanno speso miliardi nel corso degli anni  per la loro pubblicità.

Il Dr. Walter Brown è un professore clinico di psichiatria presso la Brown University Medical School. Egli è co-autore di due studi che in gran parte corroborano le scoperte di Kirsch. Recentemente ha dichiarato:

“Il numero di prescrizioni di antidepressivi nell'ultimo decennio è aumentato e, cosa più inopportuna, l’aumento più grande si ha nei lievemente depressi, che sono quelli che hanno meno probabilità di trarne dei benefici.”

Come la maggior parte degli esperti, anche Brown dice che questi farmaci agiscono per i gravemente depressi, ma egli mette in dubbio la teoria ampiamente diffusa secondo cui la depressione sarebbe causata da un deficit di un prodotto chimico del cervello (la serotonina), che è poi il target della maggior parte di queste pillole. Secondo Brown: “Gli esperti nel campo oggi credono che quella teoria sia un eccesso di semplificazione e probabilmente non è corretta.” Eppure l’intera degli antidepressivi è costruita attorno a questa teoria

La differenza tra antidepressivi e placebo è così così modesta che in Gran Bretagna il servizio sanitario nazionale ha deciso di rinnovare radicalmente il modo in cui questi farmaci sono prescritti. Lo ha fatto dopo aver messo in funzione la propria revisione delle sperimentazioni cliniche. Sono giunti alla conclusione che per una lieve o moderata depressione, non vale probabilmente la pena avere questi farmaci.

Il Dr. Tim Kendall, psichiatra e co-direttore della Commissione che ha fatto la revisione dice che come Irving Kirsch – sono stati sorpresi da che cosa hanno trovato nei dati non pubblicati dalle società farmaceutiche:

“Con le prove pubblicate, è divenuto evidente il fatto che fosse stata significativamente sovrastimata l'efficacia di questi farmaci e sottovalutati gli effetti collaterali.”

“Questo è un settore multimiliardario - prosegue Kendall. Dubito che essi spendano 10 milioni di dollari in ricerche per approdare ad una metodologia povera. Ciò che caratterizza il materiale inedito è che i risultati sono negativi. Ora non credo che il loro metodo sia in qualche modo sbagliato; è che il loro esito non è adatto alle prospettive della ditta.”

Tutti in questa storia dicono che se sei depresso, dovresti andare dal medico, e se stai già assumendo questi potenti farmaci, non dovresti smettere per tuo conto in quanto occorre farne lo scalaggio.

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani informa che una persona ha il diritto di richiedere l'applicazione del consenso informato e i medici devono informare, codice di deontologia medica art. 33, 34 e 35, inoltre è possibile segnalare le reazioni avverse ai farmaci compilando l'apposito modulo ed indirizzandolo al responsabile di farmacovigilanza della propria zona, come indicato dall'Agenzia Italiana del Farmaco.

Condividi con