Sorelle di Stella: l'assistente ci ha spinto a odiare mamma e papà. Sconvolgente!

Submitted on Ven. 12/06/2015 - 10:20
Sorelle di Stella: l'assistente ci ha spinto a odiare mamma e papà. Sconvolgente!

Le sorelle di Stella, la ragazzina che ha registrato di nascosto l'assistente sociale della Val di Non, non volevamo intervenire in questa vicenda ancora molto dolorosa per loro. Ma ieri il papà si è rivolto ai servizi sociali di Trento che gli hanno dato poche speranze con un laconico: "Noi non possiamo fare niente." L'udienza dal giudice si avvicina e le sorelle hanno quindi deciso di fare luce sui comportamenti di questa assistente sociale.

Se confermati, gli sconvolgenti comportamenti denunciati dalle ragazze, ormai maggiorenni, sono inequivocabilmente figli di quella cultura psichiatrica coercitiva e invasiva, basata sul trattamento sanitario obbligatorio.

Per una certa psichiatria, la persona non è un essere umano da ascoltare e da aiutare, ma un "malato" da curare anche con la forza. Purtroppo questa visione si è insinuata anche in certi ambiti dell'assistenza sociale, dove le famiglie e i minori non sono ascoltati ma controllati.

Una bambina in fuga da quella che percepisce come prigione, per tornare nella sua famiglia, viene dunque considerata malata mentale. In maniera simile, ai tempi della schiavitù in America, era stata inventata la diagnosi psichiatrica di "drapetomania" (dal greco drapetes - schiavo fuggitivo): lo schiavo che tentava la fuga non era un essere umano in cerca della libertà, ma un malato mentale.

La paura della gente nei confronti dei servizi sociali deriva proprio dal tradimento perpetrato da certe operatrici che, alla sincera richiesta di aiuto delle famiglie in difficoltà, rispondono a volte con misure drastiche che disgregano la famiglia invece di aiutarla. E non è tutto. Le "mele marce" all'interno del sistema minorile non danneggiano solo famiglie e minori: danneggiano anche un'intera categoria di assistenti sociali oneste e dedicate. Per questo, se le accuse saranno accertate, auspichiamo la massima severità. Lasciamo ora al parola alle ragazze.

"L'assistente sociale ha sempre ribadito che i miei genitori non erano in grado di farci da mamma e papà, che quando eravamo piccole i miei genitori avevano chiesto una mano a lei perché non riuscivano a tenerci ed eravamo disubbidienti. I nostri genitori ci dicevano di andare a dormire e non ci andavamo, e allora l'assistente sociale da lì ha preso provvedimenti togliendoci dai nostri genitori.

Io sono stata tolta dalla mamma all'età di 7 anni e mia sorella V. all'età di 10 anni.

L'assistente sociale ci ha sempre detto che i nostri genitori non ci volevano perché preferivano lavorare e non pensare a noi, che loro non erano in grado di poterci tenere e che lei doveva provvedere per noi, e l'unico modo con il quale riusciva a provvedere è averci tolto dalla nostra famiglia e metterci in questa comunità.

Noi ogni volta le chiedevamo di poter tornare a casa, ma lei rispondeva che questo non era possibile perché i nostri genitori preferivano il lavoro a noi, che a loro non interessava di noi, ed è per questo che ci trovavamo in questa comunità. L'assistente sociale ci ha portato al punto di odiare i nostri genitori, perché con la sua voce talmente melliflua ci aveva portato alla convinzione che per i nostri genitori noi non eravamo importanti. E da lì sono iniziati i miei 10 anni in comunità.

Poi ho scoperto che non era vero niente all'età di 14 anni.

In più, dopo che ho iniziato a scappare dall'istituto per tornare a casa mia, lei voleva rinchiudermi in un istituto psichiatrico nonostante gli psicologi gli avevano detto che ero una ragazzina a posto e sana di mente. Dopo tante fughe dall'istituto si sono stufati di rincorrermi e allora mi hanno lasciata a casa, dove volevo stare.

Noi non vediamo nostra sorella (Stella) da circa 5 anni perché ci diceva che eravamo "negative" per lei e che prima di vederla dovevamo aspettare l'ok dal giudice. Non so se poi avesse mai mandato una richiesta per farcela vedere. Invece a mia sorella (Stella) ha sempre detto che noi non volevamo vederla. Come ci ha scritto in una lettera che ci ha fatto avere di nascosto.

IO PENSO CHE QUESTA ASSISTENTE SOCIALE DOVREBBE SMETTERE DI FARE QUESTO LAVORO!!!

Sorella di Stella"

Condividi con