Aumento di diagnosi ADHD causato delle Aziende Farmaceutiche

Submitted on Sab. 20/12/2014 - 18:02
Aumento di diagnosi ADHD causato delle Aziende Farmaceutiche

Come molti altri cosiddetti disturbi "comportamentali", il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, o ADHD, è una condizione completamente inventata per il solo scopo di trasformare varianze comportamentali in " malattie", da trattare con costosi psicofarmaci.

Questa truffa si sta ora diffondendo in tutto il mondo: secondo un nuovo studio, le lobby delle aziende farmaceutiche esercitano pressioni sui governi stranieri affinché allentino le restrizioni alla commercializzazione di trattamenti farmacologici che alterano la mente, al fine di aumentare il numero di persone in cura con psicofarmaci.

Diagnosi di ADHD si diffondono dall'America all'Europa, ne conseguono prescrizioni di Ritalin

Inizialmente l'ADHD esisteva soprattutto negli Stati Uniti, con uno schiacciante 90% delle prescrizioni di Ritalin rispetto al resto del mondo. Ma questa piaga di drogare intenzionalmente bambini con tratti di personalità uniche, si sta ora diffondendo in Europa e oltre, man mano che le influenze americane allentano le restrizioni normative e introducono l'idea di trattare ogni bambino come un essere umano difettoso, bisognoso di farmaci psicotropi.

Pubblicato sulla rivista Social Science and Medicine, lo studio ha esaminato la crescita delle diagnosi di ADHD in paesi come il Regno Unito, la Germania, la Francia, l'Italia e Brasile.
Insieme, questi paesi hanno prodotto almeno il 15% delle prescrizioni di Ritalin negli ultimi dieci anni, riducendo la quota degli Stati Uniti al 75%.
I problemi psicologici, finora trattati con interventi non farmacologici come la terapia della parola, sono ora gestiti dalla psichiatria biologica - che vuole forzatamente cambiare la chimica del cervello delle persone con veleni farmaceutici.

"Più psicologi e psichiatri europei stanno adottando gli standard americani del Manuale Diagnostico e Statistico (DSM) – che sono più ampi e caratterizzati da soglie di diagnosi più basse per l'ADHD - spiega un comunicato stampa che riassume i risultati dello studio."
"Sedicenti gruppi in difesa dell'ADHD lavorano a stretto contatto con le aziende farmaceutiche per promuovere il trattamento farmaceutico."

Eliminare questionari diagnostici che etichettano virtualmente tutti con un comportamento "malato"

Ma come si fa a convincere in modo efficace persone perfettamente sane, che soffrono di una malattia comportamentale e hanno bisogno di trattamenti farmacologici?
Un modo è di offrire questionari di autovalutazione on-line, che sono accuratamente progettati per categorizzare normali differenze comportamentali come imperfette, e manipolare le persone facendo loro credere di essere malate.

Se cercate informazioni sanitarie on-line, venite sempre più spesso reindirizzati a siti che utilizzano test pseudoscientifici ("Ti agiti molto ?" e " E ' difficile per voi concentrarvi ?") per promuovere la vendita di stimolanti anfetaminici.
Molte persone si rispecchiano in quelle domande, limitatamente a un certo periodo, e rispondono " sì" per poi ritrovarsi incanalati nel sistema e diventare nuovi clienti di farmaci per la cura di malattie inventate.

"Queste liste di controllo trasformano tutti i tipi di comportamenti diversi in problemi medici", spiega Peter Conrad, professore alla Brandeis University e uno degli autori principali dello studio .
"Le liste di controllo non distinguono tra una normale condizione umana e una malattia."

Molte persone non sanno di essere truffate quando cadono in queste astute trappole dell'industria farmaceutica, e il risultato è che molti di loro finiscono per diventare tossicodipendenti farmaceutici per la vita.
Secondo lo studio, meno dell'1% dei bambini nel Regno Unito, per esempio, erano sottoposti a psicofarmaci per motivi comportamentali nei primi anni '90, paragonato al 5% di oggi.

In Germania, l'aumento è stato ancora più netto. Tra il 1998 e il 2008, l'uso di psicofarmaci stimolanti per ADHD è salito di oltre il 500%, saltando da 10 milioni di dosi giornaliere a circa 53 milioni di dosi giornaliere.

"Non esiste una bacchetta magica farmacologica", aggiunge Conrad, facendo notare come i farmaci non siano la risposta alla differenza comportamentale .
"Tra 50 anni - conclude Conrad - guardando indietro, ci chiederemo che cosa abbiamo fatto a questi ragazzi?".

Di Ethan A. Huff,
http://www.theepochtimes.com/n3/1133909-global-increase-in-adhd-diagnoses-due-to-drug-company-marketing-and-lobbying-study-shows/


 

Assistiamo ad una fortissima spinta per la medicalizzazione dei comportamenti umani e dei bambini in particolare; non è un caso se, da qualche decennio, la psichiatria ha scoperto che il mercato dei bambini può essere un mercato interessante. Le case farmaceutiche hanno tutto il diritto di produrre e vendere farmaci ma riteniamo che i cittadini abbiano il diritto di non essere imbrogliati da false diagnosi. Chi fa questo non è più uno scienziato, non è più un medico, sta facendo un altro percorso e sarebbe meglio che i cittadini ne fossero a conoscenza ".

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche.

Condividi con