Avvertimento antidepressivi in gravidanza

Submitted on Ven. 16/11/2012 - 14:26
Antidepressivi

Avvertimento dei medici per le donne: non prendete antidepressivi in gravidanza

Autismo, difetti di nascita, ipertensione polmonare persistente del neonato (PPHN) - questi sono solo alcuni dei molti e gravi problemi di salute che incombono sui neonati di madri che hanno assunto inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e alcuni altri farmaci antidepressivi durante la gravidanza. Gli effetti collaterali degli SSRI sono infatti così gravi durante la gravidanza che due illustri medici recentemente hanno rivolto avvertimenti alle donne incinte contro l'assunzione di farmaci che possono causare complicanze, anche mortali, sia al nascituro che alla mamma.

Il Dr. Adam Urato, ostetrico e Presidente del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia presso il MetroWest Medical Center a Framingham, Massachusetts e la sua collega la Dr.ssa Alice Domar, psicologa e assistente professore presso l'Harvard Medical Center, hanno condotto e pubblicato sulla rivista Human Reproduction una revisione sistematica della letteratura disponibile sull'uso di antidepressivi durante la gravidanza, da cui è emerso, su base scientifica, che gli antidepressivi non forniscono benefici per le donne incinte, ma presentano tutta una serie di potenziali complicanze.

Oltre alla loro inutilità, si è riscontrato che gli antidepressivi mettono effettivamente i bambini non ancora nati in grave rischio di sviluppare una miriade di complicanze compresi - ma non è tutto - difetti cardiaci, anencefalia, labbro e palato leporino, PPHN e insufficienza respiratoria. Secondo l'Istituto Nazionale della Salute americano (NIH), il rischio che il feto sviluppi PPHN è sei volte superiore quando la madre prende farmaci SSRI rispetto ai bambini nati da madri che non ne prendono.

"Studio dopo studio ciò che emerge è l'aumento dei tassi di complicanze neonatali nei bambini esposti a SSRI in utero," ha detto sulla base dei risultati il Dr. Urato al Telegraph britannico. "La Food and Drug Administration americana e la Sanità canadese hanno emanato particolari avvertenze per quanto riguarda questo problema" ha aggiunto, facendo riferimento a un avviso del 2005 emanato dalla FDA che segnalava che prendere farmaci SSRI contenenti Paroxetina, come il Paxil, durante il primo trimestre di gravidanza potrebbe causare difetti alla nascita o problemi di cuore.

Secondo gli autori, almeno 40 diversi studi già pubblicati collegano l'assunzione di farmaci SSRI durante la gravidanza al parto prematuro, che di per sé è legata a una serie di malattie e condizioni di salute. E per quanto riguarda la madre, prendere farmaci SSRI durante la gravidanza può causarle pressione alta, problemi al fegato e ictus e può anche comportare la morte del feto.

"L'uso di antidepressivi durante la gravidanza è associato anche all'aumento del rischio di aborto spontaneo, parto prematuro, difetti di nascita, PPHN e possibili complicanze neurocomportamentali a lungo termine. Non esiste alcuna prova di risultati positivi dall'uso di antidepressivi in gravidanza".

NaturalNews.com - Di Jonathan Benson - 12 Novembre 2012

Fonte: http://www.naturalnews.com/037927_antidepressants_pregnancy_women.html

Condividi con