Convegno a Trento: come avvicinare gli esperti alla gente reale

Submitted on Sab. 19/09/2015 - 10:23
Convegno a Trento: come avvicinare gli esperti alla gente reale

Trento . A coronamento della mostra sulla psichiatria tenuta dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus presso il Centro Culturale Santa Chiara e aperta fino al 20 settembre, si terrà a Trento il Convegno “Psichiatria, Scuola e Servizi sociali – Criticità, buone pratiche e alternative” presso la Fondazione Cassa di Risparmio in via Calepina 1 (dietro al Duomo) in data 22 settembre alle ore 20.00 .

Nel corso della mostra sulla psichiatria abbiamo ricevuto dalla gente commenti entusiasti in merito alle informazioni offerte dalla mostra e in particolare asserendo che la mostra aveva loro aperto gli occhi sulla psichiatria e sulle storture e criticità, non solo passate, di questa disciplina.

Molti hanno confermato che gli abusi e gli orrori della psichiatria non sono solo un retaggio del passato, ma una realtà del presente con persone ricoverate contro la loro volontà e legate ai letti con esiti a volte mortali, con una promozione selvaggia degli psicofarmaci a soli fini di lucro a tutto discapito dei pazienti, con bambini a cui vengono addirittura somministrati dei potenti neurolettici, con migliaia di bimbi allontanati dalle famiglie in base a valutazioni psichiatriche di natura soggettiva, con persone a cui tuttora anche in Italia vengono somministrati degli elettroshock, ecc. ecc.

Ecco infatti alcuni dei tanti commenti lasciati al termine della visita. Ingegnere : “ Purtroppo posso confermare che è tutto vero, per aver “schivato” l’assunzione di psicofarmaci, in occasione dello stadio terminale della malattia di mio padre. Ero angosciata, spaventata e triste per la sua imminente morte. Cosa c’è di strano? Disoccupata : “ Purtroppo è una realtà sempre più critica e diffusa. La diffusione di disinformazione e il completo controllo della mente delle persone è una problematica sociale grave che però viene ignorata e insabbiata da tutte le istituzioni.” Danzatrice : “ Quel che non si può dire si DEVE dire. Occorrono tutte le “voci” per smascherare trappole criminali. L’arte è anche questo: un grido di denuncia! Grazie di cuore a chi combatte con noi.

Ma la situazione e il futuro non sono neri, anzi. La gente e molti professionisti seri si stanno rendendo conto della necessità di una riforma. Ad esempio, in Trentino gli allontanamenti dei bambini dalle famiglie sono calati drasticamente.

Prima , era una pratica molto più diffusa che tramite valutazioni per loro stessa natura soggettive e opinabili, certi psichiatri, psicologi e assistenti sociali, con formazione inadeguata o scarsa competenza, potessero indurre il Tribunale ad allontanare i figli alla famiglia.

Oggi , anche se c’è ancora molto da fare, c’è maggiore attenzione agli affetti e all’ascolto dei minori e si possono risolvere situazioni famigliari molto complesse senza il trauma dell’ allontanamento. Inoltre, per quanto riguarda gli psicofarmaci ai bambini, a Trento abbiamo una legge provinciale innovativa del 2008 che protegge i nostri bambini dagli screening psicopatologici nelle scuole e dagli abusi di psicofarmaci e i consumi di psicofarmaci per bambini sono in calo. Ma dobbiamo mantenere alta la guardia perché dopo la legge 170 sulla dislessia, le prescrizioni di psicofarmaci ai bimbi delle elementari sono triplicate.

A nostro avviso è necessario che gli esperti e i professionisti, non solo i politici, si avvicinino alla gente e ai loro problemi e condizioni reali. Un vero professionista deve saper capire le persone e non vivere in un mondo artificiale e trattare le persone con arroganza e distacco come purtroppo fanno certi psichiatri che preferiscono etichettare e diagnosticare, ricorrendo poi a soluzioni stereotipate come la pillola, il ricovero forzato o l’allontanamento dalla famiglia. In questo convegno parleranno delle persone che a nostro avviso si sanno avvicinare alle persone reali e alle loro vere necessità.

Il convegno sarà moderato da Roberto Conci, editore de La Voce del Trentino e vedrà i seguenti relatori:

  • Prof.ssa Vincenza Palmieri. Fondatrice del programma “Vivere senza psicofarmaci”, Psicologa, Pedagogista, Docente universitario;
  • Avv. Francesco Miraglia. Cassazionista, esperto in diritto minorile;
  • Avv. Francesco Morcavallo. Già Giudice del Tribunale per i Minorenni di Bologna;
  • Dott. Davide Vanni. Psicologo, specializzato in Psicologia Forense, Consulente Tecnico del Tribunale di Bolzano;
  • Silvio De Fanti. Vicepresidente del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus.

Una vita dedicata alla difesa dei bambini, in particolar modo al loro diritto a essere felici anche quando, per ragioni diverse, sono costretti a stare lontano dai loro genitori.

Segnaliamo con orgoglio che recentemente l’associazione culturale no profit admArte di Roma ha deciso di conferire il prestigioso riconoscimento LIFE WITNESS a due dei relatori del convegno: l’avvocato modenese Francesco Miraglia e la Prof.ssa Vincenza Palmieri. La premiazione avverrà in occasione della IIa edizione dell’iniziativa “LIFE GATES - celebrare la Vita quale valore assoluto”, che si svolgerà nella città eterna il prossimo 19 settembre a partire dalle ore 17, presso il Complesso Monumentale San Salvatore in Lauro del Pio Sodalizio dei Piceni, in piazza San Salvatore in Lauro n. 15.

Ci auguriamo che questo convegno possa essere utile a insegnanti, assistenti sociali, psicologi, psichiatri, avvocati e operatori nel campo didattico e della tutela minorile, ma anche a tutti i cittadini, in particolare i genitori. I relatori porteranno la loro esperienza locale e nazionale per produrre un momento di confronto e riflessione sulle criticità in ambito scolastico per quanto concerne i Disturbi Specifici dell’ Apprendimento e l’uso e abuso di psicofarmaci sui bambini, e in ambito giuridico in relazione agli “allontanamenti facili”, ma offriranno anche delle buone pratiche e alternative innovative per permettere ai soggetti interessati di migliorare il servizio offerto ai bambini e alle famiglie nel pieno rispetto dei diritti umani.

Condividi con