I dieci miti comuni sulla sicurezza dei farmaci psicotropi

Submitted on Sab. 01/02/2014 - 12:56
I dieci miti comuni sulla sicurezza dei farmaci psicotropi

Il Dr. Peter Gotzsche, direttore del Nordic Cochrane Collaboration di Copenhagen, un'organizzazione indipendente nata con lo scopo di raccogliere, valutare e diffondere le informazioni relative all'efficacia degli interventi sanitari, ha creato una controversia e suscitato critiche su ciò che egli vede come un dannoso eccesso di prescrizione di farmaci da parte degli psichiatri.

Il Dr. Gotzsche ha recentemente compilato una lista di dieci miti comuni in possesso non solo del pubblico in generale, ma anche di psichiatri addestrati, circa la sicurezza dei farmaci psicotropi e la ragionevolezza sul loro uso.

Come internista, Gotzsche ha osservato che da quando si trovava al di fuori dell'ortodossia politica del mondo della medicina psichiatrica, si sentiva libero di esprimere ciò che credeva fossero i sentimenti di molti psichiatri che dovevano rimanere tranquilli nelle loro obiezioni per paura di scalfire le loro carriere.

1. Le malattie mentali sono causate da uno squilibrio chimico nel cervello.

"Non abbiamo alcuna idea su quale interazione ci sia sulle condizioni psicosociali, processi biochimici, recettori e vie neurali che portano a disturbi mentali e circa le teorie, che i pazienti con depressione siano privi di serotonina mentre i pazienti affetti da schizofrenia abbiano troppa dopamina, che sono state a lungo confutate ."

2. E' facile prendere antidepressivi ogni volta che si desidera

Qui, Gotzsche punta a percorsi di medicina che coinvolgono agorafobia (paura degli spazi aperti e/o affollati) e le persone che soffrono di attacchi di panico, che non erano depressi. Il cinquanta per cento dei pazienti ha trovato difficoltà a venire fuori dagli antidepressivi anche se sono stati gradualmente portati a ridurre le dosi. Non dovrebbe essere che i pazienti vedano ritornare la loro depressione, in quanto non erano depressi prima di cominciare.

3. Gli psicofarmaci stanno alla malattia mentale come l'insulina sta al diabete

"Quando si dà l'insulina ad un paziente con il diabete, si dà qualcosa di cui il paziente è carente, cioè l'insulina. Dal momento che non siamo mai stati in grado di dimostrare che un paziente con un disturbo mentale ha una carenza di qualcosa che le persone che non sono malate hanno, è sbagliato usare questa analogia ."

4. Gli psicofarmaci riducono il numero di malati cronici

"Nel 1987, poco prima che i nuovi antidepressivi (SSRI o pillole felici) arrivassero sul mercato, pochissimi bambini negli Stati Uniti erano mentalmente disabili. Venti anni dopo erano oltre 500.000, che rappresenta un aumento di 35 volte. Il numero di malati di mente è esplosa in tutti i paesi occidentali ."

5. Gli SSRI (antidepressivi) non causano il suicidio nei bambini e negli adolescenti

"Le aziende e gli psichiatri hanno regolarmente accusato la malattia quando i pazienti si sono suicidati. E' vero che la depressione aumenta il rischio di suicidio, ma le pillole della felicità la aumentano ancora di più, almeno fino a circa 40 anni, secondo un'analisi fatta su 100.000 pazienti presi a campione, condotta dalla US Food and Drug Administration ".

6. Gli SSRI non hanno effetti collaterali

"I pazienti sono meno preoccupati circa le conseguenze delle loro azioni, perdono l'empatia verso gli altri e possono diventare molto aggressivi. In sparatorie a scuola negli Stati Uniti e altrove un numero impressionante di persone erano sotto l'effetto di antidepressivi ."

7. Gli SSRI non creano dipendenza

"Il peggior argomento di cui ho sentito parlare è che le pillole non causano dipendenza a quei pazienti che non necessitano di dosi più elevate. Dovremmo poi anche essere convinti che le sigarette non creano dipendenza? La stragrande maggioranza dei fumatori consuma lo stesso numero di sigarette per anni . "

8. La prevalenza di depressione è aumentata molto nella storia recente

Gotzsche sottolinea che questo è difficile, se non impossibile da determinare, siccome i criteri per essere diagnosticati come clinicamente depressi sono stati drasticamente ridotti nel corso degli ultimi 50 anni.

9. Il problema principale non è eccessivo trattamento, ma deficienza di trattamento

"In un sondaggio del 2007, il 51 % dei 108 psichiatri ha detto che hanno usato troppa medicina e solo il 4 % ha dichiarato di averne utilizzata troppo poca. Nel 2001-2003 il 20 % della popolazione statunitense di età compresa tra 18-54 anni ha ricevuto il trattamento per problemi emotivi."

10. Gli antipsicotici prevengono i danni cerebrali

"Alcuni professori dicono che la schizofrenia provoca danni al cervello e che è quindi importante utilizzare antipsicotici. Tuttavia, gli antipsicotici portano al restringimento del cervello, e questo effetto è direttamente correlato alla dose e alla durata del trattamento ".

Fonte articolo: http://www.cchrint.org/2014/01/24/danish-doctor-offers-ten-myths-about-psychotropic-drugs/

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche.

Condividi con