In disaccordo con la legge: deve essere matto - un gulag nelle Marche - Video

TSO: Trattamento Sanitario Obbligatorio

Apprendiamo con orrore che uno studente liceale diciottenne di Fano è stato sottoposto a TSO dopo essersi incatenato al banco di scuola in segno di protesta contro l’obbligo d’indossare la mascherina, obbligo che il ragazzo giudica incostituzionale.

Non spetta a noi entrare nel merito della questione – non siamo virologi né costituzionalisti – ma un liceo dovrebbe essere un luogo di studio, in cui il libero dibattito, e anche l’espressione di idee controcorrente, siano non solo consentiti, ma financo incoraggiati. I licei sono anche (inevitabilmente) dei luoghi in cui si manifesta quel sentimento di ribellione comune a molti adolescenti, e se a volte i ragazzi ricorrono a forme di protesta originali o fantasiose, questo non ne fa dei malati mentali (per quanto possa avere senso il concetto di malattia mentale).

I medici che hanno firmato la richiesta di TSO e il sindaco Massimo Seri, che l’avrebbe approvata, ci fanno tornare alla mente la prassi di certe dittature, in cui il dissenso è equiparato alla follia, e chi lo esprime viene inviato in apposite strutture di “cura e riabilitazione”.

Il CCDU, Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, una onlus che denuncia gli abusi in ambito salute mentale, chiede con forza che questo TSO venga immediatamente revocato, e che la magistratura apra subito un’inchiesta per verificare eventuali responsabilità penali a carico dei richiedenti.

Il CCDU sostiene la campagna “Legittima Difesa” per una riforma del TSO in senso garantista.

Di seguito il video della telefonata con l'avvocato del ragazzo.

Condividi con

Iscriviti alla Newsletter!

La tua email non sarà divulgata e potrai cancellarti in ogni momento. Per maggiori informazioni consulta la pagina sulla privacy.
Consenso privacy