Milano 21-25 ottobre: Mostra "Controllo sociale e psichiatria"

Milano 21-25 ottobre, Mostra, Controllo sociale e psichiatria

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU), una onlus di vigilanza e denuncia, legittimata dal Ministero per le Disabilità ad agire a tutela di diritti, è lieto di annunciare il ritorno a Milano della mostra multimediale “Controllo sociale e psichiatria: violazioni dei diritti umani” nella consueta sede del Palazzo di Giureconsulti, a due passi dal Duomo.

Dipinta dalla narrativa prevalente come esempio, la psichiatria italiana è invece del tutto inadempiente rispetto alle raccomandazioni dell’Alto Commissario ONU per i Diritti Umani, del Consiglio ONU per i Diritti delle Persone con Disabilità e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Nonostante la chiusura dei manicomi, permane un utilizzo diffuso di pratiche manicomiali come contenzione, segregazione, divieto di comunicazione con l’esterno, sbarre alle finestre, somministrazione coatta di farmaci ecc.

La mostra è costituita da una serie di pannelli e di documentari audiovisivi, e ripercorre il passato e il presente della psichiatria con dati oggettivi e ben documentati. Rispetto alle edizioni passate, è stata aggiunta una postazione video da cui vedere alcune delle interviste realizzate dal vicepresidente del CCDU ad alcune vittime di abusi psichiatrici e a diversi professionisti del settore.

Dove

Al Palazzo dei Giureconsulti
P.za dei Mercanti, 2 – Milano

Apertura: dal 21 al 25 ottobre
Orario: dalle 10:00 alle 19:00

Ingresso libero

Inaugurazione

Inaugurazione mostra Milano

Il presidente del CCDU ha fatto gli onori di casa, cedendo poi la parola agli ospiti.

Carmela Rozza, Consigliere della Regione Lombardia e membro della Commissione Sanità, che ha voluto allertare il pubblico sull’attuale tendenza a depotenziare le strutture territoriali di prevenzione - psicosociali o di salute mentale - col risultato d’incentivare il ricovero, e ha chiesto al mondo delle associazioni di mobilitarsi per porre fine a questo degrado. 

La psicologa e psicoterapeuta familiare Adriana Azevedo, che ha non ha solo ricordato l’importanza di affermare i diritti umani in ambito salute mentale, come sanciti da diverse risoluzioni delle Nazioni Unite e dell’Unione Europea, ma ha insistito sulla concreta fattibilità della cosa, come evidenziato dalla sua pratica quotidiana.

Il filo conduttore della mostra è infatti il rispetto dei diritti umani e la necessità di porre fine alle pratiche coercitive, come richiesto dalle autorità internazionali. Il tema sarà ulteriormente approfondito martedì 25, nell’ambito della mostra, nel corso del convegno “180 – una riforma incompiuta” col contributo di avvocati e professionisti della salute mentale.

Convegno finale

A chiusura della mostra, sempre al Palazzo dei Giureconsulti, si terrà il convegno “180 una riforma incompiuta: il ricovero coatto psichiatrico ha cambiato nome ma non la sostanza”.

A chi ne farà richiesta, sarà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Relatori:

  • Dott.ssa Maria Rosaria D’Oronzo
    Psicologa, fondatrice del Centro di Relazioni Umane.
  • Dott.ssa Eleonora Alecci
    Psicologa clinica a indirizzo psicoanalitico.
    Dottore di ricerca in Metodologia della Ricerca Sociale
  • Avv. Michele Capano
    Diritti alla Follia. Consiglio Generale del Partito Radicale.
  • Avv. Enrico Del Core
    Dottore di ricerca in Diritto Privato e Garanzie Costituzionali.
    Presidente CCDU

Quando: martedì 25 ottobre ore 17:30

Ingresso libero. È gradita - ma non obbligatoria - la prenotazione, per prenotare è sufficiente inviare una e-mail dal modulo sottostante.

Ho letto l'informativa sulla Privacy ed acconsento all'utilizzo dei miei dati allo scopo di adempiere alla mia richiesta.

Condividi con