Pedofilia: psicologa ed assistente sociale nel mirino

Submitted on Lun. 28/10/2013 - 09:18
Pedofilia: psicologa ed assistente sociale nel mirino

Dopo l'udienza preliminare del 24 ottobre 2013, il tribunale ha rinviato a giudizio il padre accusato di pedofilia fissando l'udienza per il 12 marzo 2014 collegio C.

La vicenda era salita all'onore delle cronache perché una psicologa e un'assistente sociale del Consultorio di Piazzola sul Brenta avevano costretto il bambino a continuare a vedere il padre, malgrado le accuse di abusi.

E avevano persino prospettato alla madre che "se il figlio non avesse incontrato il padre l'alternativa sarebbe stata l'allontanamento dalla famiglia".

Dopo il recente rinvio a giudizio la situazione delle due professioniste, che il 9 giugno erano state querelate dell'avvocato Francesco Miraglia del foro di Modena "a causa del loro comportamento lesivo, pregiudizievole e dannoso" verso il figlio della sua assistita, si complica ulteriormente.

In seguito alla decisione del tribunale, Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, che da anni si batte contro gli abusi giudiziari nei confronti dei minori generate dalla discrezionalità delle perizie psichiatriche e delle valutazioni psicologiche, ha annunciato che si presenterà come parte civile nell'eventuale procedimento contro le due professioniste.

"Questa è l'ennesima dimostrazione che l'incontro tra psicologia/psichiatria e giustizia può causare dei danni indicibili, come nel caso di questo bambino costretto a vedere il suo presunto carnefice sulla base di astratte teorie psicologiche. È nostro dovere riportare la giustizia sui binari corretti!" ha affermato Silvio De Fanti, Vicepresidente del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani. "Nel recente convegno di Milano 'Psichiatria e distorsione della Giustizia', organizzato dal CCDU e dalla sezione italiana della LIDU - Lega Internazionale per i Diritti dell'Uomo, infatti, il prof. Morris Ghezzi, ordinario di Filosofia e Sociologia del Diritto all'Università degli Studi di Milano, ha sostenuto che il giudice non è più peritus peritorium - esperto degli esperti, che ascolta i pareri dei periti ma poi si riserva di fare una valutazione indipendente - ma ha ceduto la funzione di controllo sociale alla medicina, e alla psichiatria in particolare."

"Mi auguro che questo contribuisca a chiarire la situazione affinché a questo bambino venga restituita un po' di serenità visto che fino adesso per le decisioni del Tribunale per i Minorenni di Venezia e del servizio sociale di Piazzola, ha dovuto incontrare quel papà rinviato a giudizio per abusi sessuali come se niente fosse. Certo che ci riserveremo in tutte le sedi di denunciare quei giudici che nonostante tutto hanno contribuito ad aggravare la situazione psicofisica di questo bambino." ha commentato l'avvocato Francesco Miraglia, legale della mamma.

Condividi con