Psichiatri americani insistono: lasciateci elettroshockare bambini e adolescenti

Submitted on Mar. 09/08/2016 - 13:50
Psichiatri americani insistono: lasciateci elettroshockare bambini e adolescenti

L'Associazione Psichiatrica Americana (APA) è la più prestigiosa e potente associazione psichiatrica nel mondo; quella che stabilisce le linee guida per tutti gli strizzacervelli pubblicando il DSM - il testo sacro contenente l'elenco degli oltre 360 cosiddetti disturbi mentali.

Nel marzo di quest'anno l'APA è tornata alla carica, facendo pressione sulla FDA (l'autorità medicale e farmacologica USA) per ottenere il permesso di sottoporre a elettroshock bambini e adolescenti che non rispondono a farmaci o altri trattamenti. L'elettroshock (nome moderno Terapia Elettroconvulsiva, o TEC) consiste nel sottoporre il cervello del malcapitato a scosse elettriche, con rilascio di una notevole quantità di energia (circa 400 Joule - l'energia di un vaso di fiori da 2 kg che vi cada in testa dal settimo piano di una torre). Produce notevoli effetti collaterali, tra cui perdita di memoria a breve e lungo termine, problemi cognitivi, cambiamenti indesiderati di personalità, sintomi maniaci, convulsioni prolungate, problemi cardiaci e morte.

Da un punto di vista formale, APA chiede di riclassificare il dispositivo usato per TEC, eliminandolo dall'elenco dei dispositivi pericolosi. Al momento, la macchina della scossa è classificata come dispositivo medico di Classe III - la categoria di massimo pericolo, soggetta a numerosi controlli e restrizioni. Gli psichiatri vogliono riclassificarla come dispositivo di classe II, consentendogli l'uso su una fascia molto più ampia di persone. Non è tutto: i dispositivi di Classe II possono essere impiegati anche per l'uso cosiddetto "off label" (diverso, cioè, da quello sperimentato e approvato), spalancando le porte all'applicazione di scosse elettriche al cervello di bambini e adolescenti.

Nella lettera inviata dall'APA all'FDA si legge:

Raccomandiamo anche la designazione in classe II per trattamenti TEC (Terapia Elettro Convulsiva N.d.r.) su bambini e adolescenti che soddisfino i criteri di resistenza al trattamento e bisognosi di trattamento salvavita per le condizioni precedentemente indicate e per EDM (Episodio Depressivo Maggiore N.d.r.) associata a disturbo depressivo maggiore o disturbo bipolare.

Inutile sottolineare che, come spesso succede, Europa e Italia seguirebbero a ruota l'esempio USA con grande pericolo per i nostri bambini.

Il Comitato del Cittadini per i Diritti Umani (CCDU onlus) chiede la messa al bando dell'elettroshock in Italia. Per maggiori informazioni sugli effetti collaterali di questa cosiddetta terapia si veda la sezione sull'elettroshock.

Articolo originale di Julie Wilson - Natural News: http://www.naturalnews.com/053995_electroshock_therapy_children_American_Psychiatric_Association.html

Condividi con