Psichiatria impazzita: un ragazzo su cinque diagnosticato con ADHD

Pubblicato Ven. 17/05/2013 - 09:48
Ritalin

USA - I ragazzi sono ragazzi. Ma, secondo un recente rapporto del The New York Times (NYT), quando lo sono, il rischio di essere erroneamente diagnosticati con il disturbo di iperattività e Deficit dell’attenzione (ADHD) diventa sempre più alto. Le ultime cifre rilasciate dai centri statunitensi del Disease Control and Prevention rivelano che un ragazzo americano su cinque viene ora diagnosticato con il disturbo comportamentale ADHD — e alla maggior parte di questi ragazzi vengono quindi prescritti pericolosi stimolanti a base di anfetamine.

In precedenza solo un numero molto esiguo di ragazzi, per lo più maschi, con gravi problemi comportamentali venivano anche considerati come potenziali candidati per l’ADHD. Ma oggi, anche la minima deviazione dal cosiddetto comportamento normale può mettere un bambino nel mirino degli psichiatri troppo zelanti e desiderosi di dispensare loro i più recenti psicofarmaci. La situazione, infatti, è andata così fuori controllo che un prominente psichiatra infantile che a lungo ha approvato i farmaci per l’ ADHD ha cambiato idea e invertito la rotta.

 Che abbiamo bambini là fuori che assumono questi farmaci come steroidi mentali è quanto meno pericoloso, e io non sopporto di avere contribuito a creare il problema," dice il Dr. Ned Hallowell, come citato dal New York Times, aggiungendo, pentito, di aver smesso di dire ai genitori che i farmaci psicostimolanti per l’ADHD come Ritalin (metilfenidato) e Adderall (Amfetamina e destroanfetamina) sono "più sicuri dell'aspirina .

Secondo gli ultimi dati, ci sono attualmente circa 6,4 milioni di bambini americani tra i 4 e i 17 anni che hanno ricevuto una diagnosi di ADHD a un certo punto della loro vita. Questo numero è del 16% superiore a quello di appena sei anni fa nel 2007, e di un pesante 41% superiore a quello di solo un decennio fa. E la stragrande maggioranza di queste diagnosi avvengono tra la giovane popolazione maschile, il 20 % dei quali viene dichiarata affetta da tale condizione entro l’età adolescenziale.

Fonte: NaturalNews.com

http://www.naturalnews.com/040049_adhd_psychiatry_young_boys.html

di Ethan A. Huff

Nota: In Italia la situazione è meno grave, ma in rapido peggioramento.

Condividi con