Il Ritalin: un farmaco che non guarisce

Pubblicato Lun. 24/06/2013 - 18:57
Riralin

Da un articolo di "The Globe and Mail" di Margaret Wente

Negli ultimi anni, l' ADHD, cioè il disturbo da iperattività e deficit di attenzione - è diventata la diagnosi di moda per i bambini che non possono star seduti ancora tranquilli a scuola.

Oggi, quasi ogni classe include qualche ragazzo che assume Ritalin, Adderall o un altro stimolante.

Questi farmaci li calmano (sedano) per migliorare la loro attenzione. Ma sorprendentemente, i loro effetti a lungo termine sono in gran parte sconosciuti. Stiamo conducendo un vasto e incontrollato esperimento sui nostri figli, senza sapere se i benefici superano i rischi.

Un nuovo sorprendente studio su migliaia di bambini canadesi dovrebbe farci riflettere. Ha rilevato che nel complesso, questi farmaci non hanno alcun tipo di benefici a lungo termine. Semmai, i giovani su Ritalin hanno risultati peggiori rispetto agli altri bambini.

Gli autori dello studio hanno approfittato di un "esperimento naturale" iniziato nel 1997.

Quell'anno, Quebec ha introdotto l'assicurazione obbligatoria sui farmaci – l'unica provincia del paese a farlo. Quando l'accesso ai farmaci venne espanso, le prescrizioni di Ritalin salirono vertiginosamente. Entro un decennio, i bambini in Quebec stavano usando il Ritalin a due volte il tasso dei bambini nel resto del Canada. Entro il 2007, il 44 % delle prescrizioni di ADHD del Canada erano state scritte in Quebec.

Uno degli autori dello studio è Marco Stabile, professore di economia e politiche pubbliche presso l'Università di Toronto. Se il Ritalin fosse benefico, mi disse, a lungo termine il rendimento scolastico - misurato da indicatori come punteggi di laurea e valori matematici – dovrebbe migliorare. Ma lo studio non ha trovato nessuno di tali miglioramenti.

In realtà, ha trovato che i ragazzi che avevano preso Ritalin erano più propensi a lasciare la scuola, e le ragazze avevano maggiori probabilità di essere infelici e depresse.

Gli autori hanno cosi' concluso:

Nel complesso, troviamo una notevole evidenza di un peggioramento nei risultati educativi e comportamentali dopo l'aumento della copertura dei farmaci da prescrizione e il corrispondente incremento nell'uso di Ritalin.

Non è che gli stimolanti rendono i bambini più stupidi. Ma quando i ragazzi vengono calmati e diventano meno dirompenti, tutti pensano che il problema sia stato risolto. I problemi comportamentali possono essere "scomparsi".

Ma i problemi sottostanti non vengono risolti, e così questi ragazzi non possono ottenere l'aiuto supplementare di cui hanno bisogno con l'apprendimento e la matematica. Come giustamente afferma il professor Stabile:

Il Ritalin mantiene quieto il problema.

Tratto da: The Globe and Mail - Di Margaret Wente - Versione PDF

Condividi con