Tuo figlio è malato di mente? I medici finanziati dalle case farmaceutiche dicono di sì

Pubblicato Ven. 05/10/2012 - 10:27
Psicofarmaci a bambini

Come hanno fatto le grandi case farmaceutiche ad ottenere che a così tanti bambini vengano prescritti cocktail di farmaci (pure costosi) per "malattie mentali"? Farmaci di cui potrebbero non avere affatto bisogno?

Le case farmaceutiche hanno speso milioni nelle campagne di pubbliche relazioni in cui dicono a genitori, insegnanti e medici di somministrare farmaci ai bambini al primo segno di problemi. Sanno che se i genitori trattano i figli subito, non sapranno mai se i ragazzi avevano effettivamente bisogno di farmaci in primo luogo, e se i problemi residui sono "malattia mentale" o effetti collaterali dei farmaci. I bambini saranno probabilmente anche clienti a vita perché i genitori avranno timore di toglier loro i farmaci. Nessuna meraviglia se le case farmaceutiche dicono nelle campagne di sensibilizzazione ai genitori di non aspettare che "eccessiva energia" o "sbalzi d'umore" si manifestino per iniziare la cura.

Potere dei soldi!

Una campagna di "prevenzione" per l'antipsicotico atipico Risperdal, utilizza un macabro portafoglio abbandonato, un orsacchiotto e chiavi in una strada arida "per riposizionare un farmaco che è stato utilizzato troppo tardi per raggiungere i suoi massimi benefici" come spiega l'agenzia di pubblicità incaricata, la Torre Lazur McCann.

Stando a quanto riferito sui media, il responsabile del marketing del Seroquel, un antipsicotico concorrente, ha valutato la possibilità di creare personaggi di Winnie the Pooh come Tigro (bipolare) e Ih-Oh (depresso) per vendere il Seroquel, durante un meeting di vendita di AstraZeneca. I genitori dicono che hanno visto i giocattoli con i loghi del Seroquel.

Solo un bambino su dieci mila soffre di schizofrenia infantile – alcuni dicono uno su trenta mila – eppure Gabriele Masi e l'Istituto Stella Maris di Neuropsichiatria per bambini e adolescenti presso l'Università di Pisa, non smettono di dipingerla come un problema di salute pubblica. In un articolo pubblicato sulla rivista CNS Drugs, intitolato "I bambini con schizofrenia: quadro clinico e trattamento farmacologico", Masi scrive che "la consapevolezza dell'esordio della schizofrenia infantile sta aumentando, grazie ad una più precisa definizione ora disponibile del quadro clinico e dei primi segnali, dell'esito e delle strategie di trattamento."

I sintomi della schizofrenia infantile includono "deficit sociale" e "illusioni... relative ai temi dell'infanzia" scrive Masi.

Quale bambino non ha un "deficit sociale"? Le illusioni includono i compagni di gioco immaginari?

Masi biasima aspramente "la cautela da parte di medici al fine di fare una diagnosi di schizofrenia" invece di prescrivere subito il trattamento. Masi ha ricevuto finanziamenti per la ricerca da Eli Lilly, ha lavorato come consulente per la Shire e come conferenziere per la Sanofi - Aventis, AstraZeneca, GSK e Janssen, che producono molti dei principali psicofarmaci per i bambini, come afferma l'American Academy of Child & Adolescent Psychiatry.

Verrebbe la tentazione di ridicolizzare quei medici sponsorizzati dalle case farmaceutiche che diagnostichino malattie mentali e persino ricadute e "resistenza al trattamento" in persone che sono sul pianeta da quaranta mesi. Ma patologizzare bambini di 3 anni non è divertente. Entrambe, Rebecca Riley di Hull, 4 anni, Massachusetts e Destiny Hager, 3 anni di Council Grove, Kansas, sono morte nel 2006 a causa degli psicofarmaci, tra cui il Geodon e il Seroquel, che assumevano per curare i loro "disturbi bipolari". E nel 2009, Gabriel Myers, 7 anni, della contea di Broward, Florida, un bambino ospite in una struttura di stato, si è impiccato mentre era in cura con Symbyax, una pillola che combina Zyprexa e Prozac.

Se non fosse per le campagne di prevenzione delle case farmaceutiche, questi bambini e altri, potrebbero ancora essere vivi.

Martha Rosenberg è un reporter di salute e commentatore che scrive per Consumer Digest, Boston Globe, San Francisco Chronicle, Chicago Tribune, New Orleans Times-Picayune, Los Angeles Times, Providence Journal e Newsday.

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche.

Per svelare alcuni retroscena del marketing della salute mentale, il business del secolo, è stato realizzato un documentario "Marketing della pazzia" che delinea la storia e l'attualità di questo business, stralci del video su: http://www.ccdu.it/videos.html

OpEd News – 28 settembre 2012

di Martha Rosenberg

Fonte articolo:

http://www.opednews.com/articles/Is-Your-Child-Mentally-Ill-by-Martha-Rosenberg-120928-313.html

Condividi con