Schede primarie

Petizione: NO Elettroshock

Petizione: NO Elettroshock
Body: 

All'ill.mo Ministro della Salute
Viale Giorgio Ribotta, 5
00144 Roma

Illustrissimo Ministro ,
come cittadino della Repubblica Italiana intendo, con il presente appello, manifestare il mio disaccordo nei confronti della somministrazione di pratiche psichiatriche violente ed invalidanti, quali l'elettroshock.

E' di questi giorni la scioccante petizione di alcuni psichiatri che intendono chiederLe l'apertura di decine di centri per la somministrazione di tale pratica.

Nel febbraio 2013, la Commissione d'inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale presieduta dal Senatore Ignazio Marino , durante la presentazione in Senato della relazione finale mise in evidenza che la terapia elettroconvulsivante , l'elettroshock, è presente in ben 91 strutture ospedaliere .

Nel settembre 2013 la regione Sicilia bandisce la terapia elettroconvulsivante, vietandone in questo modo l'uso nelle 14 strutture presenti in regione.

Ritengo preoccupante che non si siano prese a livello governativo - a tutt'oggi - misure efficaci per impedire che cittadini bisognosi di aiuto e comprensione, tra cui anche minori ed anziani, vengano sottoposti a trattamenti la cui mancanza di validità scientifica ed efficacia, oltre alla elevata pericolosità, mette in cattiva luce l'intera comunità medica.

Mi auguro sinceramente che il Ministero della Salute, il Governo e le autorità competenti, di una nazione democratica come la nostra, accolgano l'incessante appello popolare che da molti anni richiede precise misure per l'abolizione in merito a pratiche lesive dei diritti fondamentali dell'uomo.

Da sapere prima di firmare

  • Una volta firmata la petizione riceverai un email con un link per la conferma.
    Ricordati di cliccare sul link che riceverai in modo da rendere ufficiale la tua adesione, altrimenti dopo 3 giorni l'adesione viene automaticamente cancellata dal sistema
    .
  • Nel caso non vedi la mail di conferma, controlla nella cartella dello spam se per caso è finita lì. Può anche darsi che la mail inserita sia stata scritta in modo errato, in questo caso non arriverà la mail di conferma.
  • I dati personali che inserirai, saranno utilizzati esclusvamente per i fini della petizione, vedi pagina privacy per maggiori informazioni.
Firma la petizione!
Seleziona questa casella se desideri ricevere informazioni periodiche su questa petizione