Mercificazione della malattia: i sognatori potrebbero presto essere etichettati malati mentali

Pubblicato Mar. 06/01/2015 - 10:23
Kelly Patricia O’Meara

La controversia su una possibile truffa multimiliardaria

Di Kelly Patricia O'Meara
 

George Lucas, il creatore di Star Wars e del film Indiana Jones, una volta ha dichiarato:

Io non sono un ragazzo molto bravo in matematica e scienze. A scuola ho trascorso la maggior parte del mio tempo sognando a occhi aperti, e sono riuscito a costruirci una carriera.

Lucas è in buona compagnia. Alcune delle più grandi menti del mondo, tra cui scienziati, artisti, innovatori e umanitari, erano accaniti sognatori.

Nonostante i doni incalcolabili derivanti dal lavoro di alcuni dei sognatori più famosi del mondo, come Albert Einstein, Thomas Alva Edison, Sir Isaac Newton, Florence Nightingale e Sir Paul McCartney, con l'ultima moda di diagnosi - il cosiddetto "Ritmo Cognitivo Indolente" (SCT), viene "psichiatrizzato " il pensiero creativo di milioni di bambini, tra cui i nostri futuri artisti, scienziati, tutti etichettati " SCT ".

Il "Manuale per la diagnosi e il trattamento di ADHD, quarta edizione" pubblicato dallo psicologo Russell Barkley, commercializza quest'ultima trovata SCT. Secondo Barkley, il presunto SCT "può essere una forma di mente patologica errante," anche se non ci sono esami medici / scientifici per confermare qualsiasi accertamento patologico. Ma attenzione: si tratta della stessa persona che una volta ha spacciato il Ritalin (metilfenidato - uno stimolante anfetaminico che, secondo la Drug Enforcement Administration, produce effetti simili alla cocaina) come "più sicuro dell'aspirina."

Secondo Barkley, l'"SCT" apparentemente è un'estensione dell'ADHD e, come tutte le diagnosi psichiatriche, è del tutto soggettiva. I sintomi di questa presunta malattia mentale sono sogni ad occhi aperti, difficoltà a rimanere svegli, mentalmente nebbioso, mente altrove, perso in pensieri, movimento lento / apatico, non elabora domande o spiegazioni con precisione, è lento nel completare le attività.

Dato l'interesse di Barkley nell'espandere il mercato dell'ADHD, vale la pena verificare la relazione dello psicologo con il gigante farmaceutico, Eli Lilly, soprattutto se si considera lo studio (da lui stesso definito "una scoperta emozionante") con cui Barkley proponeva di estendere l'uso di Strattera (uno stimolante già in uso per bambini ADHD) per il "trattamento" di SCT.

Guarda caso, nel 2017 Eli Lilly perderà il suo brevetto per lo Strattera, a meno che la società farmaceutica ottenga dalla Food and Drug Administration (FDA) l'approvazione ad usarlo per un nuovo "disturbo" tra quelli ufficialmente approvati. Tra il 2009 e il 2012, Barkley ha ricevuto 118.000 dollari dalla Eli Lilly per consulenze e conferenze, e all'inizio di quest'anno ha sostenuto che fino a due milioni di bambini possono avere il presunto SCT.

Il farmaco Strattera, nel 2013, ha venduto per quasi mezzo miliardo di dollari nei soli USA, ma col brevetto in scadenza nel 2017, il fatturato sarebbe calato drasticamente con l'introduzione sul mercato dei farmaci generici.

Va notato, tuttavia, che secondo il sito di Lilly (strattera.com), il "meccanismo preciso con cui Strattera produce i suoi effetti terapeutici in ADHD è sconosciuto", e "se Strattera funziona per voi [o vostro figlio], può migliorare l'attenzione e diminuire l'iperattività / impulsività ".
La sua funzione come farmaco è "sconosciuta ". In sintesi, un farmaco di cui secondo il suo stesso produttore, non si conosce il principio di funzionamento e non si sa se funzionerà.

Date le numerose incognite connesse ai suoi effetti terapeutici, ci si domanda come questo farmaco sia stato mai approvato per il "trattamento" di ADHD e, a maggior ragione, di questa nuova moda - lo SCT. Per non parlare degli avvisi - imposti dalla FDA con" riquadro nero" - riguardo al maggior rischio di pensieri suicidi in bambini e adolescenti.

Le consulenze di Barkley alla Eli Lilly non sono l'unica attività di marketing dello psicologo per lo sdoganamento di SCT e ADHD.

Barkley riceve, o ha ricevuto: fondi per la ricerca, compensi come consulente e/o oratore per gli altri produttori di farmaci ADHD, tra cui: Shire Pharmaceuticals, McNeil Pediatrics, Janssen e Novartis.
In aggiunta, Barkley ha redatto una lista di verifica dei sintomi del " Ritmo Cognitivo Indolente", lista in vendita al costo di 131,75 dollari, su cui Barkley riceve royalties, ed è editore della pagina Wikipedia dedicata a SCT.

Il Dr. Allen Frances, professore emerito alla Duke University e presidente della Task Force DSM-IV, stronca l'SCT come "un nome straordinariamente stupido per una proposta ancora più stupida" - "una assurda attrazione - prosegue Frances - in grado di generare diagnosi sbagliate per milioni di bambini normali, sottoponendoli a cure con farmaci inutili e potenzialmente dannosi".

Gli sforzi di Barkley per estendere la definizione del presunto ADHD per includervi il cosiddetto SCT faranno certamente lievitare i profitti farmaceutici, con buona pace dei sognatori - quelli che più contribuiscono al progresso scientifico e artistico.

Ripreso da: http://www.cchrint.org/2014/12/15/disease-mongering-daydreamers-may-soon-be-labeled-mentally-ill/

Condividi con