Strappato con una telefonata: fine di un incubo

Pubblicato Sab. 22/12/2018 - 09:17
Strappato con una telefonata: fine di un incubo

La mamma e il bambino potranno finalmente passare un Natale normale. Un sistema che permette questi orrori va cambiato.

Ferrara. Esprimiamo soddisfazione per l’esito positivo di questa vicenda atroce e kafkiana che ha colpito inutilmente un bambino e la sua mamma per via di una telefonata anonima e infondata. Questa vicenda mette in luce le criticità di un sistema della tutela minorile che deve essere profondamente riformato.

Quali sono le riforme indispensabili?

Riteniamo che si dovrebbe intervenire sulla legge 328 del 2000 che ha consegnato in mani private la tutela dei bambini con gli inevitabili conflitti di interesse che si sono generati. 

Si dovrebbe anche metter mano all’articolo 403 del Codice Civile che permette di allontanare i bambini con troppa facilità. 

Si dovrebbe cancellare la figura del giudice onorario. Permettere a psicologi o psichiatri di entrare in camera di consiglio porta inevitabilmente a una commistione di ruoli oltre ai clamorosi conflitti di interesse che nonostante la recente direttiva del Consiglio Superiore della Magistratura non sono stati eliminati.

Infine, si dovrebbe estirpare la filiera diagnostica psichiatrica nell’ambito della tutela minorile. Al giorno d’oggi basta la “diagnosi” di un educatore, insegnante, educatore, assistente sociale e, in questo caso, di un ex compagno geloso per scatenare delle conseguenze drammatiche.
 

Condividi con