L’ADHD sicuramente non esiste, ma se esistesse ce l’avrei

Submitted on Lun. 23/02/2015 - 17:05
Matt Walsh: L’ADHD sicuramente non esiste - ma se esistesse ce l’avrei

Stabiliamo innanzitutto una cosa: ho il Disturbo di Attenzione e Iperattività. Voglio dire, se l'ADHD esistesse come una malattia vera e propria, l'avrei. Devo dire, ho tutti i sintomi che l'establishment educativo e medico tradizionale vede come prova di un disturbo chiamato ADHD. Sono molto familiare con questi cosiddetti sintomi. Li ho avuti per tutta la mia vita.

Anche adesso, fantastico tutto il tempo. Non riesco a star fermo. Non riesco a concentrarmi sui compiti banali. Mi perdo nella mia testa. Mi dimentico le cose. Non posso concentrarmi su un pensiero per molto tempo. In questo momento, ho quattro documenti word diversi aperti sul mio computer, in quattro posti diversi nello stesso momento. Tre di questi non saranno mai pubblicati o completati.

Chiedete a mia moglie: ve lo confermerà. Chiedi al mio insegnante di chimica del liceo: mi ha bocciato una volta, mi ha fatto ripetere la classe, poi finalmente mi ha dato un voto di sufficienza non guadagnato perché non voleva più vedermi.

Chiedete a chi mi conosce. Se l'ADHD è una malattia, io ce l'ho. Ce l'ho assolutamente. Ho la versione jumbo deluxe, con turbo e steroidi. Eccetto che non ce l'ho. Ho tutti i "sintomi ", ma non ho un disturbo perché non esiste alcun disturbo. L'ADHD è una frode. (N.D.R. vedi: L'inventore dell'ADHD: "L'ADHD è una malattia fittizia")

Non sono l'unico a pensarla in questo modo. Solo negli ultimi mesi, abbiamo sentito un neurologo comportamentale ripetere come l'ADHD non esista, e un neuroscienziato di fama mondiale dirsi d'accordo, e un professore ed esperto di psicologia educativa insistere allo stesso modo. Questo è solo un piccolo campione di scettici. Se trovate il tempo, ne trovate tanti altri sul web.

Si tratta di un pediatra, uno psicologo di famiglia, un neurologo infantile, e un direttore medico psicologico: tutti mettono in discussione gli attuali atteggiamenti tradizionali e le credenze circa l'ADHD. Molti professionisti pensano che l'ADHD sia una truffa, ma le loro opinioni sono considerate eresia dai Guardiani delle Opinioni Accettabili: vengono zittiti, schiacciati e ignorati. Ecco come l'Istituto Nazionale di Salute Mentale descrive i sintomi di ADHD :

I bambini che hanno sintomi di disattenzione possono:

  • Essere facilmente distratti, non vedere i dettagli, dimenticare le cose, e spesso passare da un'attività all'altra.
  • Avere difficoltà di messa a fuoco su una cosa, focalizzare l'attenzione sull'organizzazione e il completamento di un compito o di imparare qualcosa di nuovo.
  • Annoiarsi su un compito, dopo pochi minuti, se non stanno facendo qualcosa di divertente.
  • Avere problemi a completare i compiti a casa, spesso perdendo le cose (per esempio, le matite, i giocattoli, le assegnazioni) necessarie per completare le attività.
  • Non ascoltare quando gli si parla.
  • Sognare a occhi aperti, diventare facilmente confusi, e muoversi lentamente.
  • Difficoltà nell'elaborazione delle informazioni velocemente e accuratamente come gli altri.
  • Lottare contro le istruzioni.

I bambini che hanno sintomi di iperattività possono:

  • Agitarsi e contorcersi nelle loro sedie.
  • Parlare senza fermarsi.
  • Sfrecciare intorno, toccando o giocando con qualsiasi cosa attorno a loro.
  • Manifestare difficoltà a stare seduti durante la cena, la scuola, e il tempo del racconto di una storia.
  • Essere costantemente in movimento.
  • Avere difficoltà a fare i compiti o attività tranquillamente.

I bambini che hanno sintomi di impulsività possono:

  • Essere molto impazienti.
  • Spifferare commenti inappropriati, mostrare le proprie emozioni senza ritegno, e agire senza riguardo per le conseguenze.
  • Esibire difficoltà ad attendere le cose che vogliono o il loro turno quando giocano.
  • Interrompere spesso le conversazioni o le attività altrui.

La maggior parte di noi può guardare questa lista e visceralmente riconoscerla come un mucchio di cavolate. Ci sono molte ragioni per visualizzare l'ADHD come una frode, ma cominciamo con il fatto che - fin d'all'inizio - non ha senso. Impulsivo? Impaziente? Si tratta di tratti di personalità, non condizioni mediche.

Sognare a occhi aperti? Parlare molto? Interrompere? Questi sono comportamenti, non i sintomi di una malattia. E non parliamo di comportamenti o tratti della personalità generici, ma proprio di quelli ritenuti caratteristici dei bambini. Probabilmente i più normali che ci siano.

Ora si potrebbe dire, beh sì, sono normali, ma alcuni bambini parlano molto, fantasticano molto, e interrompono MOLTO. Vero, ma è ancora normale: non siamo tutti uguali.

Hai incontrato ragazzi di recente ? Se no, vorrei presentartene qualcuno qualche volta. Non ne ho mai incontrato uno che non agisca in questo modo, e ne ho conosciuti un sacco. Ne ho due io, sono cresciuto con sei fratelli, sono andato alla scuola pubblica, mia mamma gestisce un asilo nido, ho nove nipoti di età inferiore ai 10 anni. Sono sempre circondato da bambini. Venite a cena da noi a Natale quest'anno: è follia. Sogni ad occhi aperti, irrequietezza, correre, interrompere: tutto il tempo. E sono solo io. Vedrete quando poi arrivano i bambini!

Ma forse avete bambini che fanno queste cose MOLTO E MOLTO. Al di là del normale molto, e oltre il limite di "DAVVERO MOLTO. E' possibile, ma dove sta il confine? A che punto un comportamento non è più normale, e diventa sintomo di disturbo mentale? Esattamente, Cosa? Come? Perché ? Dove ? Quando?

Qual è lo standard? Qual è la giusta quantità di attenzione? Come si fa a quantificare anche l'attenzione? Se la loro attenzione è "carente" qual è l'esatta Attenzione Ideale di cui sarebbero in deficit? E qual è la giusta quantità di sognare ad occhi aperti per un bambino? E come facciamo a non rabbrividire constatando che stiamo riflettendo circa la giusta quantità di sognare ad occhi aperti? Nemmeno fossimo personaggi di "The Giver - Il Mondo di Jonas". E se un comportamento può essere normale, come può essere anche sullo spettro di una malattia ? Come può qualcosa essere fondamentalmente sana e fondamentalmente sintomatica di un difetto mentale? Non c'è risposta a queste domande: le regole standard della medicina sembrano improvvisamente sparire quando si parla di ADHD.

Se guardiamo una malattia reale, è abbastanza facile riconoscerla. Ci sono analisi, immagini radiografiche, scansioni, cardiogrammi ecc. Non è una parte dell'esperienza umana sana: se ti capita, ti conviene correre dal medico.

L'ADHD non può essere osservata e i suoi sintomi sono costituiti da tutti i comportamenti umani normali , perché non vi è alcuna prova che si tratti di un disturbo psicologico derivante da qualsiasi tipo di squilibrio chimico. Non lo sostengo io: lo sostengono i membri del Centro Internazionale per lo Studio della psichiatria e della psicologia e membri dell'American Psychological Association. E rimane la logica: come può " diventa annoiato con un compito noioso" diventare il sintomo di una malattia? Questa non è solo una sciocchezza: è al di là della sciocchezza. E' follia. Non siamo tutti annoiati dalle cose noiose? Soprattutto i bambini? Soprattutto i bambini a scuola, e tutti sappiamo quanto, a volte, possa essere noiosa la scuola.

Ho chiesto come sappiamo quando questi comportamenti, tratti di personalità, e attività, attraversano il misterioso confine di "normalità" per diventare patologici? Sto scherzando: conosco la risposta. E' descritto proprio qui nella scheda informativa sull'ADHD : un bambino non dovrebbe ricevere una diagnosi di ADHD a meno che i sintomi principali di ADHD si manifestino all'inizio della vita e creino notevoli problemi a casa e a scuola in continuazione. Traduzione: se si trasforma in una seccatura (per gli altri) allora è malattia.

L'ADHD è uno dei tanti "disturbi" psichiatrici in cui la diagnosi non si basa su quanto stia effettivamente accadendo al paziente, ma su come egli venga percepito dalla gente che gli sta intorno. È una malattia in base al contesto.

Se un bambino avesse l'ADHD nella foresta, ma non ci fosse lì nessuno a esserne disturbato, sarebbe lo stesso malato? No. Non secondo l'establishment medico.

Prendiamo un venditore di auto. Parla tantissimo e corre in giro con gran dispendio di energia: ha l'ADHD ? No. E 'solo un buon venditore: il suo lavoro, a differenza della scuola, richiede quei tratti caratteriali. Ma chi dice che dobbiamo essere tutti conformi alla scuola e non bravi venditori di auto? Chi fa queste determinazioni? Chi decide come una persona dovrebbe essere? "Loquace" e "energico" sono elencati come segni di ADHD, ma sono anche le caratteristiche più richieste nei profili degli addetti a vendite, promozioni, o marketing.

Se è possibile digitare i "sintomi" di una malattia nella barra di ricerca di un sito per la ricerca di personale, e scoprire come la maggior parte di essi siano indicati come caratteristica necessaria per migliaia di posti di lavoro, qualcosa non va. L'ADHD non c'entra con la psichiatria o la neurologia, ma con il controllo sociale. Le scuole non possono trattare con i bambini che agiscono in questo modo, i genitori non vogliono trattare con loro, gli asili non sono in grado di trattare con loro, e la società in generale non ha pazienza. Così la chiamano "malattia" e scrivono una ricetta.

Le malattie reali funzionano in questo modo? Se si va dal medico lamentando bronchite, lui non si chiede se la bronchite stia creando problemi al lavoro o in famiglia. Non gli importa, perché la bronchite è bronchite, indipendentemente dal fatto che gli altri possano trovarla insopportabile o meno. Non ci soffermiamo mai a considerare come sia la scuola a essere difettosa, se per funzionare deve sedare milioni dei suoi studenti.

Ma torniamo a bomba. Dov'è il confine tra normale e patologico? Gli opuscoli informativi ci spiegano che per stilare una diagnosi occorrono "sei o più sintomi di disattenzione per i bambini fino a 16 anni , o cinque o più per gli adolescenti dai 17 anni e adulti ; i sintomi devono essere presenti per almeno 6 mesi, e risultare inadeguati per il livello di sviluppo ".

Ma perché sei sintomi ? Perché non sette ? Perché non tre ? Perché non 10 ? E perché il numero cambia a 16 anni? Perché non 14 ? Perché non 12 ? E perché devono essere presenti per sei mesi? Perché non nove? E come si fa a determinare cosa sia appropriato per il loro livello di sviluppo? E, infine, come si può escludere la possibilità che questi "sintomi" non derivino da personalità naturale del bambino, ma piuttosto da un mix di TV , videogiochi, telefonini, fast food, bibite, mancanza di esercizio fisico, programmi scolastici monotoni o mancanza di disciplina? Oppure da un sistema scolastico adatto solo a un particolare tipo di personalità, lasciando tutti gli altri in condizioni di svantaggio.

Questi ragazzi non hanno l'ADHD. Nessuno ce l'ha. Forse alcuni dei bambini etichettati con l'ADHD in realtà soffrono di qualche altro disturbo psicologico, ma ho il sospetto che la stragrande maggioranza di loro non abbiano proprio un bel niente. Sono solo ragazzi. Hanno personalità. Hanno identità. Forse questa identità non è adatta alla scuola, forse è causa di stress a casa, ma chi siamo noi per classificarla patologica? Chi siamo noi per appendere un disturbo intorno al collo di un bambino? Forse siamo noi disturbati. Forse la nostra società è disturbata. Forse le nostre scuole sono disturbate. Forse le nostre case sono disturbate.

Vi ho già parlato del mio "ADHD". Beh , è accaduta una cosa divertente. Il tratto caratteriale che mi ha reso la vita impossibile nella classe di chimica o mentre lavoravo come cassiere, è lo stesso che mi fa eccellere nella mia carriera di scrittore. Scrivere, discutere, creare nuove idee, cercando di guadagnarsi da vivere nel mondo in continuo cambiamento dei nuovi media. Non avrei potuto fare nulla di ciò se non fossi stato così. Ciò che mi ha fatto fallire a scuola mi ha reso vincente in questo lavoro. Come si spiega questo?

Forse siamo così ossessionati dall'idea che tutti devono seguire un percorso, agire in un modo, pensare in un modo, e fare una cosa, e abbiamo dimenticato cosa significa essere umani. Abbiamo dimenticato che non tutti gli esseri umani sono nati per essere studenti da 10 e lode e diventare poi perfetti impiegati dalle 9 alle 5. Alcuni sono diversi. Forse alcuni non sono adatti per quel tipo di vita. Forse alcune persone sono destinate ad essere artisti, radicali, filosofi, pensatori, geni, inventori, rivoluzionari, bastian contrari o venditori di auto.

Io non mi considero una di queste cose: sono solo un ragazzo normale che ha trovato il suo posto nel mondo, senza l'aiuto di farmaci. Tutti i bambini meritano questa possibilità. L'ADHD non esiste. Esistono le persone, e dobbiamo lavorare di più per cercare di capirle.

Articolo ripreso da:
The Blaze
Di Matt Walsh
http://www.theblaze.com/contributions/adhd-definitely-doesnt-exist-but-if-it-did-i-would-have-it/

Se vogliono etichettare vostro figlio come malato mentale e non siete d'accordo, in "Scuola: consigli per l'uso" trovate alcuni consigli utili.

Condividi con